Seo Content e cucina gourmet non sono così diversi

Cosa hanno in comune i contenuti web con l’alta cucina? Può sembrare un paragone curioso, ma se lo si analizza a fondo i punti di contatto sono tantissimi.

Per preparare un piatto gourmet bisogna prima di tutto conoscere le tecniche di cucina, andare alla ricerca degli ingredienti giusti -magari quelli del territorio- e saperli abbinare in modo perfetto perché creino un sapore indimenticabile. Serve dedicare tempo per la selezione, tempo per la preparazione, tempo per la cottura, tempo per l’assaggio. E se un piatto è fatto a regola d’arte lascia una sensazione di benessere e leggerezza.

Per scrivere un contenuto web di qualità occorre prima di tutto la conoscenza degli argomenti che si vogliono trattare,  dopodiché serve passione e curiosità. Una volta messi insieme gli ingredienti che serviranno a scrivere il miglior articolo possibile, basterà seguire la ricetta nello stesso modo in cui si prepara un piatto.

  • Ricerca=selezione degli ingredienti: le fonti a cui inspirarsi o da citare nel proprio articolo vanno selezionate con grande attenzione, in base alla reputazione di cui godono sul web. Un semplice indice di buona reputazione ce lo fornisce Google stesso premiando i risultati migliori con le posizioni più alte. Ma è sempre bene leggere in prima persona la fonte da citare, la conoscenza dell’argomento che stiamo trattando ci darà già una buona indicazione della bontà delle informazioni.
  • Stesura=preparazione: non bisogna avere fretta, scrivere e farsi capire anche da chi è alle prime armi è piuttosto difficile. Utilizzare troppi tecnicismi,che annoierebbero gli utenti “basic” è controproducente. La semplicità, specie quando si è all’inizio e si vuole raggiungere il maggior numero di lettori è la strada migliore
  • Revisione=assaggio: rileggere o far leggere ad un altra persona l’articolo è un aspetto da non trascurare, possono evidenziarsi piccole imprecisioni che potrebbero però cambiare l’interpretazione dei concetti che si vogliono esprimere. Attenzione maniacale va dedicata al controllo ortografico perché leggere un articolo autorevole con errori “di battitura” può far perdere la stima nei confronti dell’autore
  • Pubblicazione=servire il piatto: una volta terminato l’articolo è ora di pubblicarlo sul mezzo scelto. A pubblicazione avvenuta la prima cosa da fare è passare alla “vista utente” ovvero accertarsi che il risultato in produzione sia effettivamente quello che avevate previsto. Se non fosse così siete sicuramente in tempo per gli aggiustamenti necessari.
  • Serp di Google= digestione: si può paragonare alla fase della digestione. Così come un buon piatto ci lascia leggeri e soddisfatti, allo stesso modo se il contenuto è scritto secondo i criteri analizzati nei punti precedenti, la “digestione” da parte dei motori di ricerca, e di Google su tutti, sarà più veloce. Scalare le prime pagine e le prime posizioni per l’argomento trattato nel vostro articolo diventerà quasi automatico.

 

2018-09-03T06:22:28+00:00